Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (2022)

La Patagonia argentina e quella cilena sono separate dal Canale di Beagle, il quale decorre in senso Est-Ovest e prende il nome dalla storica nave che vide tra i suoi ospiti Charles Darwin; è ricco di leoni marini e di cormorani.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (1)Ecco quindi aspetti della Terra del Fuoco poco noti o che pochi conoscono a fondo:

Cosa vuol dire Patagonia? Il nomederiva dal portoghese patagão, che significa zampa grande. L’epiteto venne dato agli indigeni dall’esploratore Ferdinando Magellano per le grandi orme che gli aborigeni Tehuelche lasciavano sulla neve.

Con la sua circumnavigazione del 1520, Magellano fu il primo a parlare di queste popolazioni. Seguirono altri viaggi esplorativi, ma nessuno trovò dei giganti in America Latina: c’erano solo persone leggermente più alte degli europei, ma il nome è rimasto. Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (2)L’esploratore portoghese battezzò anche la parte più meridionale della Patagonia: la Terra del Fuoco***. Ma perché si chiama così? Essa prende il nome dai falò accesi dagli indigeni per scaldarsi: questa fu l’immagine che Magellano vide dalla sua nave. Questo nome potrebbe far pensare ad una terra calda come quella di Lanzarote alle Canarie, ma è l’esatto opposto: nella Tierra del Fuego Argentina fa freddo!

***Nel Sud dell’Argentina hanno la Terra del Fuoco, mentre la Terra dei fuochi è quella che abbiamo noi nel meridione!
Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (3)Le curiosità linguistiche sulla Terra del Fuoco non sarebbero complete senza trattare l’etimologia della sua città più famosa: Ushuaia. Ushuaia non è né il nome originale né il nome spagnolo, ma una deformazione di quello in lingua yamana, idioma dei nomadi venuti 6000 anni fa dal Centro America. Oshoaia era il nome indigeno del posto e significa “baia dove tramonta il sole”.

Questa alterazione è stata operata dal missionario e linguista inglese Thomas Bridges, che a fine Ottocento visse a stretto contatto con gli Yamana, scrivendo persino un dizionario yamano-inglese. Gli argentini – parlando spagnolo – pronunciano “Usuaia”, ma nelle altre lingue non si cade in errore leggendo “Ushuaia”. Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (4)Scendendo ancora più a Sud (e sconfinando in Cile) non rimane che investigare il significato del nome Capo Horn, tradizionalmente considerato il punto più meridionale dell’America Latina. Non si traduce “Capo Corno”, perché si tratta di un altro lost in translation: Hoorn – con due o – è infatti una città dell’Olanda settentrionale, luogo di nascita dell’esploratore Willem Schouten, che circumnavigò l’estremo Sud dell’America meridionale nel 1616.

2. In Terra del Fuoco il caldo è solo nel nome

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (5)Abbiamo assodato che i nomi da queste parti sono spesso ingannevoli, sebbene la parola fuoco potrebbe indicare anche la presenza dei vulcani tra Cile e Argentina.

Le coordinate geografiche della Tierra del Fuego (54°S) ci rivelano solo parzialmente il suo clima, che è di tipo oceanico: la presenza su tre lati delle acque oceaniche favorisce la bassa escursione termica tra estate e inverno, dove raramente la stagione fredda vede temperature inferiori allo zero, e l’estate difficilmente supera i 10-15° C.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (6) I venti provenienti dall’Antartide, che soffiano anche a 135 km/h, abbassano la percezione della temperatura. I solstizi qui nell’emisfero australe sono ovviamente invertiti: ad Ushuaia il 21-22 Dicembre hanno quello estivo, con solo quattro ore di buio, mentre il 21 giugno quello invernale, con sette ore di luce.

Potete controllare le ore di luce della Terra del Fuoco su questo sito. Io ci sono stata a novembre, all’inizio della loro estate, ed avere una giacca anti-vento come si deve, è stato fondamentale.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (7)

Patagonia a novembre, con la mia fantastica giacca della Patagonia

Nell’articolo seguente ho riportato anche l’abbigliamento utilizzato in Terra del Fuoco, passaggio obbligato per l’Antartide: i capi dell’omonima marca “Patagonia” sono stati una carta vincente.

  • Prepararsi all’Antartide: abbigliamento, attrezzatura, libri e film

3. Ushuaia: la fine del mondo abitato e la porta dell’Antartide

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (8)Ogni angolo di questa cittadina è intriso del fascino delle terre di frontiera: ad Ushuaia infatti siamo nell’ultima città abitata a Sud del mondo. Più a Sud, dall’altra parte del Canale di Beagle – in territorio cileno – c’è un altro insediamento che però non ha lo status di città: parliamo di Puerto Williams, un piccolo villaggio abitato da militari e pescatori. Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (9)Potremmo anche dire che il mondo civilizzato finisce dove termina la Ruta Nacional 3, nella Bahía Lapataia, e che il lembo di terra più a Sud è il cileno Capo Horn (Cabo de Hornos): dov’è la fine del mondo, dipende dai punti di vista.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (10)

Porto di Ushuaia, da dove partono le navi per l’Antartide

Terre estreme, ma non così a Sud come si potrebbe pensare: Ushuaia si trova a 54°S di latitudine, l’equivalente australe di Mosca e di Stoccolma nell’altro emisfero.

Venire in Terra del Fuoco per vedere l’aurora australe è quindi come venire a Roma per avvistare le renne: totalmente fuori luogo. Ad Ushuaia ce n’è per tutti i gusti: c’è sia la montagna – le splendide Ande – che il mare, un mare freddo che rende questa cittadina la porta d’accesso del continente bianco.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (11)

Dopo due giorni di navigazione da Ushuaia, ecco la Penisola Antartica

Ushuaia è infatti la città più vicina all’Antartide e alle Shetland meridionali, alle Falkland (o Malvinas) e alla Georgia del Sud. La distanza tra la Terra del Fuoco e l’Antartide è di circa 1000 km e si chiama stretto di Drake: le acque più agitate del pianeta.
Ne ho parlato approfonditamente qui: Viaggio in Antartide: guida completa per la spedizione.
Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (12)
In termini di chilometri Ushuaia è quindi più vicina alle terre antartiche che a Buenos Aires: dalla capitale dista infatti ben 3218 km, colmabili in tre ore e mezza di volo. La distanza tra Terra del Fuoco e Polo Sud geografico, ammonta invece a 3952 km.

Se volete visitare a fondo Ushuaia, vi consiglio questo tour guidato in italiano: potrete cancellare gratuitamente fino a tre giorni prima!

4. Vi prego, venite a vivere in Terra del Fuoco!

Nella Terra del Fuoco di pertinenza argentina, la densità abitativa è di circa 3 ab/km, quasi come quella dell’Islanda.Gli argentini, cercando sempre il sole e il caldo come tanti italiani, non sono propensi a vivere in un posto così remoto in cui è autunno/inverno tutto l’anno.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (13)

Cormorani

(Video) 100 Curiosidades que No Sabías de ARGENTINA: costumbres, destinos, historia, tradiciones, destinos

Per favorire il popolamento di questa terra ai confini del mondo, il governo ha quindi offerto degli incentivi fiscali sia per le grandi aziende che per gli abitanti.

Una curiosità sulla Terra del Fuoco che pochi conoscono, è che qui alla fin del mundonon si paga l’IVA, tassa che nel resto del paese ammonta al 21% (2019). La Patagonia ha prezzi elevati rispetto all’Argentina del Nord, ma nella zona di Ushuaia e dintorni potrete beneficiare di questa agevolazione fiscale anche come turisti.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (14)

Leoni marini: i principali abitanti della Terra del Fuoco (Canale di Beagle)

5. Perito Moreno, un ghiacciaio speciale

Il Perito Moreno si trova in Patagonia argentina – a Nord della Terra del Fuoco – ed è circondato dalla foresta. È la terza riserva di acqua dolce del pianeta, ed il secondo ghiacciaio più vasto al mondo dopo il Lambert in Antartide. È grande quanto Buenos Aires e prende il nome dall’esploratore Francisco Moreno, un perito che alla fine dell’Ottocento fece una spedizione tra Cile e Argentina. Grazie al suo lavoro, fu definito in maniera ragionevole il confine tra Cile e Argentina.

Egli disse che non aveva senso usare il fiume come confine visto che il corso è variabile e propose la barriera geografica delle Ande come limite. L’ironia della sorte volle che lui non abbia mai visto il ghiacciaio che oggi porta il suo nome.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (15)

Ghiacci australi – Curiosità sulla Terra del Fuoco e sulla Patagonia Argentina

In alcuni momenti sembra che il Perito Moreno avanzi: un’anomalia localizzata usata dai negazionisti dell’emergenza climatica per sostenere le loro tesi (che si scontrano con quelle del 97% della comunità scientifica). È detto “calving glacier”, per la frequenza con cui si staccano pezzi di ghiaccio: quotidianamente è possibile assistere a questi tonfi scenografici.

Un altro famoso ghiacciaio che presenta lo stesso fenomeno è l’Eqi in Groenlandia, raggiungibile con una gita in giornata da Ilulissat.

Il Perito Moreno fa parte del Parco Nazionale Los Glaciares, patrimonio UNESCO dal 1981.

6. Il cibo della Patagonia Argentina è da fin del mundo

Considerando che la maggior parte degli argentini sono immigrati italiani, già capirete il perché di questa cucina di qualità. Cosa mangiano in Patagonia argentina? Nella parte polare di questo enorme paese, spiccano le cioccolate, le mele, l’agnello e i frutti rossi patagonici.

Tra questi frutti di bosco c’è “El Calafate”, chiamato come la città; si tratta di un umile frutto con una grande reputazione: si dice che chiunque lo assaggi, tornerà in Patagonia, un po’ come il lancio della monetina nella nostra Fontana di Trevi.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (16)

Tutte queste prelibatezze si possono provare al ristorante Maria Lola ad Ushuaia, il posto in cui ho mangiato meglio in Terra del Fuoco; ma anche la tavola calda “Ramos Generales” – foto sopra – aveva il suo perché.

Cerchi un alloggio in Terra del Fuoco?

Io consiglio la bellissima “Posada Del Fin Del Mundo a Ushuaia“, ma su booking c’è l’imbarazzo della scelta, e la cancellazione è quasi sempre gratuita!

7. Castori in Terra del Fuoco: quando l’uomo sfida la natura

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (17)

L’uomo sfida la natura, e i castori si vendicano – Curiosità sulla Terra del Fuoco e sulla Patagonia Argentina

Nel Parque nacional Tierra del Fuego, accanto a volpi e a guanachi, proliferano castori canadesi, introdotti negli anni quaranta con l’idea di fare soldi con le loro pellicce.

Gli affaristi non avevano considerato che quegli animali sono abituati a mangiare un certo tipo di alberi, con un certo tipo di clima ed un certo tipo di ecosistema che qui non si verifica.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (18)

I castori, catapultati in questo nuovo habitat, hanno quindi iniziato a buttar giù tutti gli alberi che trovavano ed hanno cambiato metabolismo; ciò ha fatto sì che anche la loro pelliccia cambiasse, diventando di fatto inutile per l’industria della pelletteria.

La gente del posto, trovandosi con le spalle al muro, ha deciso di lasciarli vivere liberi nella foresta, un paradiso che questi ignari animali stanno distruggendo piano piano.

L’uomo è un componente della natura, non il suo artefice!

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (19)

Nel Parco Nazionale Terra del Fuoco, infatti, i castori possono costruire tutte le dighe che vogliono creando bacini artificiali in cui nuotare e vivere, senza essere predati da nessuno, per cui continuano a proliferare e a disboscare indisturbati.

Un singolo albero ci mette ottanta anni a crescere qui, ed un castoro lo distrugge in due giorni. Da cinquanta – venticinque coppie – che erano, oggi in Tierra del Fuego questi roditori sono 70.000 e nessuno sa come arginare il loro operato.

Per trarre vantaggio almeno temporaneamente da questo disastro ambientale, tra l’offerta turistica della zona c’è anche un fantastico “Dinner with beavers” (Cena con i castori) nella castorera: vorrei tornare in Patagonia argentina anche solo per questa esperienza.Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (20)

Mucche in Patagonia: un’altra forma assurda di disboscamento
Alle pendici dei ghiacciai, i problemi invece sono le mucche, prima che l’area venisse dichiarata parco nazionale (negli anni ’30), decisero di destinarla agli allevamenti: hanno deforestato per creare dei pascoli e fare brucare l’erba a mucche, tori e cavalli che non avevano ragione di essere lì.

Gli allevatori abbandonarono la zona quando fu dichiarata area protetta, ma gli animali rimasero lì, e dopo ottanta anni sono considerati selvatici: non ricrescono alberi nuovi perché stroncati sul nascere da bovini e equini. Il governo cerca di portarli via piano piano con i gauchos , una sorta di cow boy sud-americani, che, solo nel 2018 ne hanno portati via centoventi.Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (21)

8. Nella Tierra del Fuego ci sono i pinguini: non solo Magellano, ma anche antartici

In Patagonia argentina è possibile vedere i pinguini, esperienza a mio avviso imperdibile anche per chi ne vedrà in abbondanza in Antartide. I pinguini della Terra del Fuoco sono infatti diversi da quelli che abbiamo avvistato nel continente bianco: sono i piccoli pinguini Magellano, ancora una volta battezzati dal navigatore portoghese.

Sebbene ce ne siano quasi due milioni tra Cile, Argentina e isole Falkland, questa specie è considerata “minacciata” per via dell’inquinamento petrolifero.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (22)

Pinguino Magellano sull’Isla Martillo – Può essere alto dai 60 ai 75cm e nuota a circa 25km/h

La tappa immancabile per gli amanti di questi simpatici animali è l’Isla Martillo, da visitare con PiraTour: unico tour operator che permette di passeggiare tra i pinguini, e non di guardarli solo dalla barca.

Chi dice che questa pratica è poco rispettosa, forse vuole solo sponsorizzare altri T.O.: le guide stanno attentissime al comportamento dei turisti che non devono né superare la distanza stabilita dai biologi, né produrre inquinamento acustico e ambientale.Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (23)Su questo isolotto, oltre ai pinguini Magellano, ci sono gli unici pinguini papua di tutto il Sud America (foto sotto). I Magellano, esploratori di nome e di fatto, si stabiliscono qui per le ‘vacanze estive’ dal 1970 , mentre i gentoo dal 1992.

Questo lembo di terra iper protetto, è dei discendenti del missionario e linguista inglese Thomas Bridges: il tour operator PiraTour gli paga una cospicua somma per portarvi i visitatori e per mantenere l’esclusiva.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (24)

Pinguino papua (conosciuto in inglese come gentoo)

Durante l’escursione “Walk with penguins!“, la guida aiuta anche a comprendere il buffo comportamento di questi animali; una curiosità è che i pinguini durante il corteggiamento lanciano una piuma: se il pinguino femmina la raccoglie, è un sì. Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (25) È molto divertente osservarli mentre rubano le pietre al vicino per costruire il proprio nido: in Antartide sono abituati a ricorrere ad estremi rimedi perché le pietre sono difficili da reperire, ma qui ce ne sono a iosa, quindi agiscono per abitudine.

Non tutti sanno che sull’Isla Martillo, se si è fortunati come siamo stati noi, è possibile persino avvistare un pinguino reale! Ne abbiamo visto solo uno, che era venuto qui al caldo per cambiare le piume.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (26)

Curiosità sulla Terra del Fuoco: sull’Isla Martillo è possibile avvistare pinguini antartici!

Con questo non sto dicendo che potrete fare a meno di andare in Antartide: lì ci si ritrova letteralmente su un altro pianeta, di pinguini ce ne sono a milioni, ed oltre ai papua, potrete vedere anche i pigoscelidi antartici; senza ovviamente trascurare gli splendidi pinguini imperatore, che però vivono nelle zone più inaccessibili.
Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (27)

9. I fuegini, gli indigeni della Terra del Fuoco: non ricordano gli inuit?

Fueginiè la denominazione utilizzata per indicare le etnie locali della Terra del Fuoco, le quali si dividevano in: Ona (o Selk’nam) e Haush sul lato argentino, Yamana (o Yahgan) tra Argentina e Cile – a ridosso del Canale di Beagle – e Alakaluf sul lato cileno.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (28)

Mappa della distribuzione dei Fuegini: in Argentina Sud c’erano gli Ona, gli Haush e, a ridosso del Beagle Channel, gli Yahgan (o Yamana)

Delle popolazioni indigene della Tierra del Fuego si parla poco per un semplice fatto: non esistono più. Di questi pre-colombiani non rimane più nulla, se non una singola superstite dell’etnia Yamana: Cristina Calderón, che oggi è una cittadina cilena di 91 anni.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (29)

Cristina Calderón, l’ultima yamana (foto di TRT world) – Curiosità sulla Terra del Fuoco e sulla Patagonia Argentina

Tra le cause della estinzione, vi sono sicuramente il contatto con gli europei e le malattie virali da essi portate: per il vaiolo e il morbillo i fuegini non avevano nessun anticorpo, per cui, nel giro di pochi decenni il loro numero passò da alcune migliaia a poche centinaia. Inoltre i bianchi fecero pian piano fuori le loro terre anche per ottenere sempre più spazi da destinare al pascolo.

Il primo incontro tra europei e fuegini risale ai tempi di Magellano, che nella sua spedizione del 1520 avvistò dei fuochi passando lungo lo stretto che oggi porta il suo nome.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (30)

Yamana, detti anche Yahgan o Tequenica – Curiosità sulla Terra del Fuoco e sulla Patagonia Argentina (Foto da Wikipedia)

Come raccontato già nel primo paragrafo, questa regione sub-polare si chiama Terra del Fuoco proprio per i fuochi degli indigeni avvistati dai primi esploratori. Ai loro occhi i nativi apparvero nudi, nonostante le rigide temperature: per resistere al freddo, gli Yahgan ungevano i propri corpi con grasso di balena.

Un’altra spedizione chiave che ci permette di conoscere queste popolazioni, è quella di Robert FitzRoy del 1830 a bordo della barca Beagle: lo splendido Monte FitzRoy in Patagonia si chiama così proprio in memoria di questo navigatore e meteorologo inglese e il canale di Beagle prende il nome dalla sua imbarcazione.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (31)

Escursione sul Canale di Beagle

In realtà la sua missione conoscitiva oggi potrebbe essere vista come un atto di crudeltà: egli rapì quattro Yamana e li portò con sé in Inghilterra per ‘civilizzarli’ ed analizzarne l’adattabilità e il comportamento.

Due anni dopo, nuovamente a bordo del Beagle, li riportò nella terra d’origine accompagnato dal naturalista Charles Darwin, che descrisse accuratamente il suo primo incontro con gli Yamana avvenuto l’8 dicembre 1832.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (32)
Li dipinse come selvaggi dediti al cannibalismo e fermi nel loro sviluppo evolutivo.

Egli cadde però parzialmente in errore: una volta condotti in Inghilterra, i fuegini mostrarono sorprendenti doti di apprendimento, capacità che rimossero parzialmente una volta riportati nella loro terra natìa, dove ripresero gran parte delle abitudini avite.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (33)

Charles Darwin – Immagine di Science Outreach Office, Bruxelles

Per quanto riguarda gli Ona (o Selk’nam), li conosciamo soprattutto grazie al libro “Ultimo confine del mondo” scritto da E. Lucas Bridges nel 1947. Lucas, nato ad Ushuaia, era figlio del missionario Thomas Bridges, colui che redasse un vocabolario inglese-yamana. Egli riuscì a conquistare la fiducia di questa tribù, al punto da venir considerato con il tempo un membro della stessa.

La vita e la sopravvivenza dei Selk’nam, era strettamente legata a quella dei guanachi (camelidi locali). Questi indigeni infatti si cibavano della loro carne e usavano la pelle di guanaco sia per coprire i propri corpi che le proprie tende.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (34)

Una curiosità sugli indigeni della Terra del Fuoco, è che sia i loro tratti somatici che il loro stile di vita erano tremendamente simili a quelli degli inuit groenlandesi, che potremmo definire i loro ‘cugini boreali’.

  • Entrambe le popolazioni infatti discendono dai mongoli: origine evidente dalla loro pelle scura e dagli occhi a mandorla.
  • Sia i fuegini che gli inuit vivevano (vivono, nel caso degli inuit) in terre ai confini del mondo, con temperature fredde; rigide in Patagonia, rigidissime in Groenlandia.
  • Per quanto riguarda le imbarcazioni, mentre gli inuit hanno sempre pescato e cacciato con i kayak, gli aborigeni australi utilizzavano canoe di corteccia.

    Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (35)

    Inuit e fuegini a confronto: i kayak groenlandesi

  • Anche gli indigeni groenlandesi hanno subito un periodo di ‘civilizzazione’ forzata da parte degli europei, nel loro caso da parte dei dominatori danesi. Mentre i fuegini appartengono ormai al passato, gli inuit invece sono ancora vivi e vegeti, e devono fare i conti con una modernità difficile da digerire.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (36)

Donna inuit con costume tradizionale – Nuuk, Groenlandia

Sono venuta a conoscenza degli storici abitanti della Terra del Fuoco tramite le nostre guide, sia patagoniche che antartiche; ma se non ci avessero posticipato il volo di andata, sarei andata anche a curiosare al Museo di Storia Fuegina di Ushuaia.

Una cosa che non sapevo su questa attrazione, e che ho scoperto solo al mio ritorno, è che qui c’è anche una mostra sulla spedizione antartica Endurance di Shackleton: devo decisamente tornare!

10. Il ‘Parque Nacional Tierra del Fuego’ nel grande cinema (per un imprevisto)

Il Parco Nazionale Terra del Fuoco, ad Ovest di Ushuaia, è un paradiso sub-antartico con chilometri di costa incontaminata, laghi, montagne e boschi. Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (37)Le sue foreste sono caratterizzate da alberi che sembrano faggi ma non lo sono: i nothofagus antarctica, detti appunto ‘falsi faggi‘. Una curiosità cinematografica sulla Terra del Fuoco, è che gli ultimi dieci minuti di The Revenant sono stati girati qui: dato che le riprese in Canada sono durate più del dovuto, la neve si era sciolta, per cui hanno cambiato emisfero.

L’unico modo per accorgersi di questo imprevisto è guardare gli alberi, che sono appunto dei nothofagus, avvistabili solo qui e in Nuova Zelanda.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (38)

Curiosità sulla Terra del Fuoco: l’ultima parte di The Revenant è stata girata qui per un’emergenza

La scena finale del film che è finalmente valso l’Oscar a Di Caprio, è stata girata davanti al Monte Olivia, cima appuntita che raggiunge l’altitudine di 1326 metri; qui la gente del posto, nelle rare giornate calde e serene, viene a fare l’asado, il bbq argentino.

Siamo a soli quattro km da Ushuaia, ma il paesaggio è incontaminato come se fossimo tremendamente lontani dall’impatto antropico.Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (39)

Ho amato questa terra dal cuore italiano, dalla testa tropicale e dai piedi polari. È incredibile quanto il suo estremo Sud ricordi l’estremo Nord del mondo.

A presto con altri reportage polari,

Valeria

Questo articolo fa parte della sezione del blog, dove troverete anche curiosità sulla Finlandia, sull’Islanda, sulla Slovacchia, e su altre mete.

Terra del Fuoco e Patagonia argentina: 10 curiosità da Ushuaia in su - Valeria Castiello (40)

ASSICURAZIONE DI VIAGGIO PER L’ARGENTINA E NON SOLO: 10% DI SCONTO

Guida all’assicurazione di viaggio internazionale: qual è la migliore?

Se vi interessano le Terre Polari e il Nord Europa, sul mio sito c’è pane per i vostri denti.

  • Portfolio Sottozero
  • Amundsen: itinerario norvegese sulle orme del grande esploratore

Terre Polari Australi:

  • Reportage sul viaggio in Antartide e guide pratiche
  • Photo gallery sull’Antartide

Terre Polari Boreali:

  • Articoli sull’Artico
  • Articoli sul Nord Europa
  • Photo gallery sull’Islanda
  • Photo gallery sulla Groenlandia
  • Photo gallery sul Nord Europa

FAQs

Perché si chiama Terra del Fuoco? ›

Anche il nome Terra del Fuoco è da attribuire a Magellano. Risale a quando, nel 1520, il navigatore vide i fuochi e il fumo dei numerosi falò degli indigeni dalla sua nave sulla costa dell'Isla Grande, l'isola maggiore dell'arcipelago.

Cosa vuol dire Ushuaia? ›

“Baia che penetra ad ovest”: questo significa la parola Ushaia nel linguaggio indigeno. Oggi però, la capitale della provincia della meravigliosa Terra del Fuoco è conosciuta come la Città della Fine del Mondo, grazie alla sua posizione particolare.

Perché si chiama Patagonia? ›

La regione deve il suo nome ai patagoni, termine usato da Ferdinando Magellano per indicare i nativi di quelle terre (oggi identificati dalle tribù dei tehuelche e degli aonikenk), che lui scambiò per giganti.

Chi ha scoperto la Terra del Fuoco? ›

Il nome "Terra del Fuoco" (in spagnolo Tierra del Fuego) è stato coniato dall'esploratore portoghese Ferdinando Magellano; navigando per conto della Corona spagnola, nel 1520 fu il primo europeo a raggiungere questo territorio.

Che lingua si parla a Ushuaia? ›

Studia lo spagnolo nella nostra scuola di Ushuaia, la città più a sud del mondo, capitale della Terra del Fuoco. Questa bellissima città tra l'oceano e le montagne offre un panorama incredibile dove imparare lo spagnolo e fare diverse attivitá ed escursioni.

In che lingua si parla in Patagonia? ›

La lingua ufficiale della Patagonia è lo spagnolo, ma in Cile esistono ancora delle comunità indigene Mapuche, che parlano il mapundung.

Chi ha costruito Ushuaia? ›

Il progetto argentino di Carlo Borsari di ricostruzione della città di Ushuaia coinvolse emigranti italiani arruolandoli come manodopera. La prima nave parti da Genova il 26 settembre 1948, con a bordo 650 tra operai, tecnici, architetti, ingegneri e manovali e raggiunse la "Terra del Fuoco" alla fine di ottobre.

Qual è l'ultimo paese del mondo? ›

Ushuaia
Ushuaia città
StatoArgentina
ProvinciaTerra del Fuoco
DipartimentoUshuaia
Amministrazione
20 more rows

Qual è il luogo più abitato della Terra? ›

Nessuno di questi luoghi sono abitati da esseri umani . Qual è il luogo più remoto abitato sulla Terra? Un posto chiamato Tristan da Cunha . I circa 270 abitanti di questo arcipelago vedono una nave solo una volta l'anno.

Che clima c'è nella Terra del Fuoco? ›

La regione ha un clima di tipo oceanico (“Cfc” secondo la classificazione dei climi di Köppen), con brevi estati fresche e lunghi inverni umidi, moderatamente freddi: la temperatura media annuale, al livello del mare, oscilla tra i 5 °C e i 6 °C, mentre in inverno la presenza del mare influisce sulla costa, che ...

Per cosa è famosa la Patagonia? ›

Questo parco nazionale è il più famoso del Cile e uno dei più belli e famosi di tutto il Sud America. È un parco immenso (1800 kmq) con decine di possibili trekking tra le sue montagne, i suoi laghi e i suoi ghiacciai.

Qual è la capitale della Patagonia? ›

Punta Arenas
Punta Arenas comune
StatoCile
RegioneMagellane e Antartide Cilena
ProvinciaMagallanes
Amministrazione
22 more rows

Che cosa è la Patagonia? ›

Patagonia, Inc. è un'azienda tessile statunitense specializzata in abbigliamento sportivo e da esterni. Fondata da Yvon Chouinard nel 1973 e avente sede a Ventura, in California, il suo logo è la sagoma del monte Fitz Roy, posizionato al confine tra Cile e Argentina in Patagonia.

Come si chiamano gli abitanti della Patagonia? ›

Regione geografica dell'America meridionale, la Patagonia si divide tra Argentina e Cile. La delimitano le Ande a sud e a ovest, i bassopiani e i plateau ad est. Perché si chiama così? Perché Ferdinando Magellano chiamò patagoni i suoi abitanti, scambiandoli per giganti.

Quale è il periodo migliore per andare nella Terra del Fuoco? ›

Periodo migliore: da Novembre ad Aprile. Corrisponde all'estate, con poche precipitazioni e temperature più alte. Periodo da evitare: Maggio ad Ottobre. L'inverno nella Terra del Fuoco può essere tremendo con temperature che arrivano al di sotto dello zero.

Come vestirsi all Ushuaia? ›

Essendo un locale all'aperto, dovresti vestirti di conseguenza – ma tieni conto dei Termini e delle Condizioni dellUshuaïa. Sono vietati infradito, magliette sportive e costumi da bagno. Detto questo, non è raro vedere costumi da bagno e bikini indossati sotto pantaloncini di jeans e/o un caftano.

Quante persone tiene l Ushuaia? ›

Un'enorme pista centrale con piscina, soffitti alti 25 metri, varie sale all'aperto e capienza per 10.000 persone, rendono il Privilege la discoteca più grande del mondo per il Guinness dei primati.

Quante persone ci sono all Ushuaia? ›

L'Ushuaïa è considerato uno dei migliori club del mondo dalla rivista DJ Magazine, dove è rimasto nella sua Top 10 dal 2015. Il club ha una capienza di 4.000 persone ed è uno dei club più grandi e famosi di Ibiza, insieme all'Amnesia.

Quali animali si trovano in Patagonia? ›

L'Argentina meridionale ospita il puma, l'huemul, il pudú (il cervo più piccolo del mondo) e il cinghiale selvatico non autoctono. La costa della Patagonia è ricca di vita animale: elefanti marini, foche, leoni marini e specie di pinguini. L'estremo sud è popolato da cormorani.

Qual è il clima della Patagonia? ›

Tipo di clima

Nel Nord l'Argentina clima è un clima tropicale. Nella Pampa abbiamo un clima temperato, nella Patagonia un clima freddo, nella Terra del Fuoco un clima artico. Sulle Ande prevale un clima freddo e in alcune zone del centro Nord troviamo le caratteristiche proprie del clima arido.

Che religione si pratica in Argentina? ›

In Argentina, il 92% della popolazione è cattolico.

C'è anche una grandissima comunità ebrea ma si trova principalmente a Buenos Aires. Se hai la fortuna di essere in Argentina durante una festività religiosa, non fare l'errore di non andare ad assistere.

Come si arriva a Ushuaia? ›

Ushuaia è raggiungibile in autobus sia da altre città dell'Argentina (come Rio Gallego o Rio Grande) che da Puerto Natales e Punta Arenas in Cile. In entrambi i casi si attraversano lo stretto di Magellano e la frontiera con il bus; oltre al tempo di viaggio quindi dovrete calcolare circa 2/3h per questi passaggi.

Qual è la capitale più a sud del mondo? ›

La capitale più a sud del mondo è Wellington (41° 17' S) in Nuova Zelanda.

Quanto costa un biglietto per l Ushuaia? ›

Prezzi: Il costo dei party varia da €40 a €90, a seconda della festa e del periodo dell'anno. Una birra costa €15, un'acqua da 0,5 l €12, i long drink da €19 a €22.

Qual è la capitale del mondo? ›

Stati indipendenti
StatoCapitaleAbitanti
ArgentinaBuenos Aires3 068 043
ArmeniaErevan1 093 485
AustraliaCanberra410 301
AustriaVienna1 915 338
44 more rows

Qual è la città che ha meno abitanti al mondo? ›

Vi siete mai chiesti quale sia la città meno popolosa della terra? Si trova in Nebraska e si chiama Monowi.

Chi è il primo a festeggiare il Capodanno? ›

Andiamo alla scoperta dei capodanni del mondo e vediamo quale luogo del nostro pianeta festeggerà per primo l'arrivo del nuovo anno. Alle 11 ore italiane daranno il via alle celebrazioni gli abitanti delle isole Tonga, Samoa, Christmas e Kiribati, mentre alle 11.15 quelli delle isole Chatham.

Qual è il posto più freddo della Terra? ›

Attualmente è un luogo tra il Dome Argus e il Dome Fuji conosciuto come East Antarctic Plateau, sempre ovviamente in Antartide, a detenere il record mondiale per la temperatura più fredda mai registrata da una stazione meteorologica terrestre, quello del 10 agosto 2010, quando la temperatura raggiunse i -93,2°C.

Qual è il paese abitato più freddo del mondo? ›

Il paese si chiama Ojmjakon e si trova nella Jacuzia occidentale: qui le temperature scendono fino a -67°C. È l'unico posto in tutto il mondo dove le persone vivono a temperature da record, pensate che nel posto disabitato più freddo del mondo, al Polo Sud, le temperature arrivano fino a -88°C.

Qual è il paese più grande del mondo? ›

Lo stato più grande del mondo è la Russia . La sua popolazione è ben di 142 milioni di abitanti.

Come si chiama la Terra del Fuoco in Spagna? ›

2.488 m s.l.m. L'Isola Grande della Terra del Fuoco (in spagnolo Isla Grande de Tierra del Fuego) è l'isola principale dell'arcipelago della Terra del Fuoco, situata all'estremità meridionale dell'America del Sud, da cui è separata dallo Stretto di Magellano.

Che clima c'è nella Terra del Fuoco? ›

La regione ha un clima di tipo oceanico (“Cfc” secondo la classificazione dei climi di Köppen), con brevi estati fresche e lunghi inverni umidi, moderatamente freddi: la temperatura media annuale, al livello del mare, oscilla tra i 5 °C e i 6 °C, mentre in inverno la presenza del mare influisce sulla costa, che ...

Che cosa è la Patagonia? ›

Patagonia, Inc. è un'azienda tessile statunitense specializzata in abbigliamento sportivo e da esterni. Fondata da Yvon Chouinard nel 1973 e avente sede a Ventura, in California, il suo logo è la sagoma del monte Fitz Roy, posizionato al confine tra Cile e Argentina in Patagonia.

Che specchio d'acqua si trova tra il Cile e la Terra del Fuoco? ›

Da qui si raggiunge il Lago Roca dove si può osservare la geografia della Isla Grande de Tierra del Fuego, confinante con la Repubblica del Cile.

Quale è il periodo migliore per andare nella Terra del Fuoco? ›

Periodo migliore: da Novembre ad Aprile. Corrisponde all'estate, con poche precipitazioni e temperature più alte. Periodo da evitare: Maggio ad Ottobre. L'inverno nella Terra del Fuoco può essere tremendo con temperature che arrivano al di sotto dello zero.

Quando andare in Patagonia Argentina? ›

Il periodo più indicato è sicuramente l'estate, da dicembre fino a marzo: in questi mesi le temperature possono arrivare a toccare un massimo di 25-26°C, inoltre la bassa umidità scongiura la possibilità di incontrare piogge.

Quando andare a Ushuaia? ›

Quando andare a Ushuaia

La maggior parte dei turisti la visita però in primavera/estate (da novembre a marzo), quando le temperature raggiungono i 15° e le ore di luce sono tantissime (calcolate che a gennaio il sole tramonta dopo le 23:30!).

Come si chiamano gli abitanti della Patagonia? ›

Regione geografica dell'America meridionale, la Patagonia si divide tra Argentina e Cile. La delimitano le Ande a sud e a ovest, i bassopiani e i plateau ad est. Perché si chiama così? Perché Ferdinando Magellano chiamò patagoni i suoi abitanti, scambiandoli per giganti.

Per cosa è famosa la Patagonia? ›

Questo parco nazionale è il più famoso del Cile e uno dei più belli e famosi di tutto il Sud America. È un parco immenso (1800 kmq) con decine di possibili trekking tra le sue montagne, i suoi laghi e i suoi ghiacciai.

Quali animali si trovano in Patagonia? ›

L'Argentina meridionale ospita il puma, l'huemul, il pudú (il cervo più piccolo del mondo) e il cinghiale selvatico non autoctono. La costa della Patagonia è ricca di vita animale: elefanti marini, foche, leoni marini e specie di pinguini. L'estremo sud è popolato da cormorani.

Qual è la capitale della Patagonia? ›

Punta Arenas
Punta Arenas comune
StatoCile
RegioneMagellane e Antartide Cilena
ProvinciaMagallanes
Amministrazione
22 more rows

Quanto è lungo il Cile? ›

Stato dell'America Meridionale. Confina a N con il Perù, a E con la Bolivia e l'Argentina; a S e a O è bagnato dall'Oceano Pacifico. Il territorio si allunga per 4200 km circa in latitudine e non supera i 400 km in longitudine, conferendo un perimetro estremamente sviluppato rispetto alla superficie ...

Quanti abitanti ci sono a Ushuaia? ›

Ushuaia, con i suoi quasi sessantamila abitanti, dista oltre tremila chilometri dalla capitale Argentina, Buenos Aires.

Come arrivare alla Terra del Fuoco? ›

L' Aeropuerto Internacional Malvinas Argentinas è il punto di accesso principale alla Terra del Fuoco Argentina. Quasi tutti i viaggiatori arrivano o partono in aereo da Buenos Aires o da El Calafate e Punta Arenas, ma ci sono anche voli settimanali effettuati dalla compagnia LADE da varie città della Patagonia.

Top Articles

You might also like

Latest Posts

Article information

Author: Rev. Leonie Wyman

Last Updated: 10/12/2022

Views: 5797

Rating: 4.9 / 5 (79 voted)

Reviews: 94% of readers found this page helpful

Author information

Name: Rev. Leonie Wyman

Birthday: 1993-07-01

Address: Suite 763 6272 Lang Bypass, New Xochitlport, VT 72704-3308

Phone: +22014484519944

Job: Banking Officer

Hobby: Sailing, Gaming, Basketball, Calligraphy, Mycology, Astronomy, Juggling

Introduction: My name is Rev. Leonie Wyman, I am a colorful, tasty, splendid, fair, witty, gorgeous, splendid person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.